Problemi in condominio sull’Iva ridotta per il riscaldamento

L’Iva al 10% sul metano per riscaldamento centralizzato condominiale rischia di diventare un’agevolazione solo per pochi. Il problema nasce da un’interpretazione restrittiva della risoluzione dell’agenzia delle Entrate n. 112/E del 22 ottobre 2010.

La questione prende le mosse dalla risoluzione di pochi giorni prima, la n. 108/E, che fissava l’Iva ridotta del 10% per la fornitura di gas metano a uso civile ai condomini e alle cooperative che utilizzano impianti centralizzati e collettivi. Il tetto massimo di consumo agevolabile, pari a 480 metri cubi annui (prima riservato solo alle unità immobiliari con impianto individuale), andrebbe quindi moltiplicato per il numero delle unità immobiliari il cui impianto è allacciato a quello centralizzato.

I problemi, per gli amministratori condominiali che devono chiedere ai gestori del riscaldamento il rimborso (e poi suddividerlo tra i condomini) è che nella risoluzione n. 112/E si parla di determinare il numero degli appartamenti, che vanno conteggiati al fine della determinazione del tetto dei 480 metri cubi, «al netto delle unità immobiliari che fruiscano contemporaneamente di un impianto autonomo di somministrazione metano».

continua a leggere su: ilsole24ore

About these ads

Lascia un commento

Archiviato in Condominio, Immobili e fisco, News

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...